Cascate di ghiaccio Valle di Saint Barthélemy

Tags: , ,

Poco conosciuta, questa bella vallata offre alcune interessanti colate che meritano di essere apprezzate. Qui sicuramente si potranno trascorrere splendide giornate immersi in ambienti isolati e poco frequentati, alla ricerca della vera essenza dell’arrampicata su ghiaccio di cascata.

Accesso: da paese di Nus seguire le indicazioni per la valle di Saint Barthélemy. Risalire la strada che con panoramico percorso s’inoltra nella splendida vallata sino a raggiungere la frazione di Lignan. Seguire le indicazioni riportate sulle relazioni dei percorsi.

1

Cascate di Belzebù

A.Cambiolo e P.Sartore 16-02-91

Quota: 1450 metri

Avvicinamento: da Nus salire la strada che porta a Saint Bartélemy. Il tracciato scorre sulla sinistra orografica della profonda gola che ospita il torrente omonimo, ma ad un certo punto il corso di acqua è attraversato da un ponte e la strada compie due ampi tornanti. Proprio sulle rocce sopra al secondo, si trovano le due cascate relazionate. Dalla strada seguire il flusso del ruscello che scende dalle cascate sino al punto dove si biforca. 30 minuti

A

Sinistra

Difficoltà: II/2+

Lunghezza: 70 metri

L1: facili rigonfiamenti 60° 65° poi breve pendio

L2: muro 70° infine breve rampa a 90°

Discesa: in corda doppia sfruttando gli alberi

Interesse: 2

B

Destra

Difficoltà: II/3+

Lunghezza: 60 metri

L1: muro 70° 80° e bruve rialzo a 90°

L2: muro finale 70° 80°

Discesa: uscire a sinistra e portarsi attraverso il bosco alla cascata di sinistra, da qui in corda doppia.

Interesse: 3

2

Ice dale

A.Cambiolo e P.Sartore 10-01-85

Difficoltà III/4+

Lunghezza: 100 metri

Quota: 1650 metri

Avvicinamento: superato il ponte che porta la strada sulla destra orografica del torrente, continuare a salire sino a raggiungere un bivio a destra con la strada principale che con un tornante volge a sinistra. Qui sostare e osservando le pareti biancastre di sinistra si intravede, se formata, la colata. Dalla strada risalire il pendio di bosco posto a destra di un mammellone roccioso dove in alto è posta la cascata. Raggiunto la base della parete risalire il pendio a sinistra e portarsi sopra alle prime balze rocciose proprio ai piedi della bella cascata. 1 ora

L1: muro di ghiaccio cariato 85° 90° sino all cengia sottostante il salto successivo

L2: muro a 90°

Discesa: in corda doppia sfruttando le piante a sinistra

Interesse: 4

3

Vacanze romane

L. Bellagamba, A.Cambiolo, D.Francese e R.Vittorangeli 12-01-96

Difficoltà: II/3+

Lunghezza: 100 metri

Quota: 1400 metri

Avvicinamento: dal tornante che volge a sinistra seguire la strada che raggiunge la frazione Lignan. Raggiunto l’abitato volgere a destra e parcheggiare. Scendere nei prati e portarsi sull’orlo della profonda gola. Scendere il ripido pendio boscoso sino ad intravedere a sinistra la possibilità di scavalcare un costolone roccioso. Traversare sempre nel bosco e raggiungee il canale successivo, qui è posta la cascata. 1 ora

L1: canalino stretto 70° 80° sino alla base della colonna finale

L2: colonna 80° poi 90 per alcuni metri

Discesa: risalire il flusso del ruscello che genera la cascata e ritornare sui prati soprastanti

Interesse: 3

4

Artica

A. Cambiolo,F.Del Vecchio, C.Fiou e P.Sartore11-02-91

Difficoltà:  II/4+

Lunghezza:  150 metri

Quota:  1350 metri

Avvicinamento: dal posteggio attraversare i prati e portarsi sull’orlo della gola. Traversare verso valle costeggiando il baratro e al quarto canalone scendere prestando molta attenzione. Verso il fondo, quando si intravede il torrente, con due corte doppie si tocca la riva del corso d’acqua. Sendere brevemente lungo la riva e in breve portarsi alla base della cascata.

L1: candela 90° poi muro 70° 80°

L2: facili rigonfiamenti 60° 70°

L3: candela 90° muro 75° 85° poi breve candelina90°

Discesa: risalire il ruscello che genera la cascata e ritornare sui prati soprastanti.

Interesse: 4

5

Ombre blu

A.Cambiolo, D.Gonella e M.Mottini 03-01-95

Difficoltà:  II/4+

Lunghezza: 100 metri

Quota: 1450 metri

Avvicinamento: per raggiungere la cascata da Lignan, proseguire sulla strada con indicazioni Trois Villes. Scendendo verso al località dopo alcuni chilometri è visibile sulle rocce della sinistra orografica la cascata incassata in una gola. Scendere ancora e portarsi sul ponte che attraversa un piccolo torrente. Sulla destra della strada è riconoscibile il saltino che immette nel ruscello che sale nella gola. Posteggiare l’auto e superato il breve risaltino, proseguire nel canale sino alla base della cascata. 1 ora

L1: muretto stalattitico 90° poi rigonfiamenti infine muro 90°

L2: muretto stalattitico e muro finale 85° 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata sfruttando le piante.

Interesse:  4

il nuovo "Diamanti di cristallo"

Condivisi su Facebbok