Cascate di ghiaccio Valtournenche

Avvicinamento: da Chatillon seguire le indicazioni per Valtournenche e Cervinia. Tutta la vallata è molto interessante per l’arrampicata su cascate di ghiaccio ed offre alcune colate che sicuramente non dovrebbero essere dimenticate. Attenzione ai forti periodi di abbondanti nevicate.

Antey Saint André

1

Cascata di Chessin

G.C.Grassi e N.Margaira 27-12-86

Difficoltà: II/2+

Lunghezza: 160 metri

Quota: 900 metri

Avvicinamento: da Chatillon risalire la strada per Valtournenche e dopo alcuni chilometri, individuare a sinistra il bivio per la frazione Chessin. Raggiungere le case e parcheggiare, attraversare il villaggio e reperire un sentiero che dopo pochi minuti passa ai piedi della colata ben visibile. 15 minuti

L1: muro 70° 80° sino alla stalattite

L2: corta candela 90° poi facile70°

L3: serie di facili rigonfiamenti 70° 75°

Discesa: a piedi sulla sinistra orografica sino a monte della stalattite. Da qui in corda doppia.

Interesse: 2

2

Cascate della Magdeleine

?

Difficoltà: VI/5

Lunghezza:

Quota: 1500 metri

Avvicinamento: Da Chatillon risalire la Valtournenche e raggiungere il primo paese Antey S.André. Entrare nel villaggio e reperire a destra il bivio per la Magdeleine e salire a questo paese oltrepassando diversi tornanti. Da qui raggiungere il bivio con la strada vietata alla circolazione che conduce a Chamoix. Parcheggiare all’inizio della strada e scendere i pendii verso una casetta isolata, reperire un canale che porta alle cascate. 30 minuti

farmacia italiana comprare viagra senza ricetta

Da sinistra

Capiroska: muro 75° 85° II/3

Cuba libre: muro 85° 90° poi facile 70° II/4

Gin fizz: L1 facile 45° 50° L2 muro 85° poi facile 70° II/3

Discesa: inesistente

Interesse: 2

3

Settore di Adamo ed Eva

?

Difficoltà:

Lunghezza: 70 metri

Quota: 1200 metri

Avvicinamento: al paese di Antey S.André non seguire la strada per Valtournenche ma reperire la strada che sale passando sulla sinistra orografica del torrente e attraverso questa, raggiungere le case della frazione Lillaz dove si parcheggia. Da qui risalire verso le evidenti cascate. 40 minuti

Da destra a sinistra

Il pomo 55 metri : facili rigonfiamenti 60° 70° poi colonna 90° II/4+

Adamo 60 metri : 60° 70° poi 80° 90° II/4

Eva 60 metri: 70° poi verticale 85° 90° poi ancora 70° II/4

La costola 60 metri: 45° 50° poi verticale 80° 90° poi in uscita 70° II/3+

L2 in comune: canale 85°

Discesa: in corda doppia sulle cascate

Interesse: 3

4

Cha benessere S.S.A.

?

Difficoltà II/4

Lunghezza: 150 metri

Quota: 1200 metri

Avvicinamento: sempre accesso alla cascata dalla frazione Lillaz risalendo nel bosco  sino allevi dente colata, se è formata. 20 minuti

L1: ghiaccio fine70° 80°

L2: 70° 80° poi alcuni metri a 90°

L3: 70° 80° poi breve tratto a 85°

L4: facile 60° 70°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 3

5

?

Difficoltà:

Lunghezza:

Quota:

Avvicinamento: superati i due tornanti che compie il sentiero continuare ancora brevemente e portarsi in vista, se formata, delle stretta e rettilinea goulotte. Risalire il ripido pendio. 2 ora e 40 minuti

L1: ?

L2: ? ?

L3: ?

L4: ?

L5: ?

Discesa: ?

Interesse:  4

6

Cascata Suisse

?

Difficoltà:  II/3+

Lunghezza: 250 metri

Quota: 1300 metri

Avvicinamento: da Antey risalire la strada verso Valtournenche e raggiungere la frazione Buisson, dove parte la funivia per Chamoix. Parcheggiare nel comodo parcheggio della funivia e attraversare il torrente su un ponte e reperire dopo poco una strada sterrata che diparte a destra. Seguirla sino ad arrivare ad una costruzione in cemento. Seguire a sinistra traccie di sentiero che entrano nella gola. Quando il sentiero inizia nuovamente a salire, scendere nel greto del torrente e raggiungere la cascata. 20 minuti

L1: facili risalti 70° poi breve muretto 80° sino alla presa di acqua

L2: canale 67° 70°

L3: muretti a 80° poi goulotte sino all’ampia conca

L4: largo muro che offre varie possibilità 80° 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse:  4

7

Buisson di sinistra

?

Difficoltà: II/4

Lunghezza: 450 metri

Quota: 1200 metri

Avvicinamento: dal parcheggio delle funivie di Chamoix seguire la strada che passa sulla sinistra orografica del torrente e e raggiungere la frazione Nursaz. Poco dopo si incontra il torrentello che scende dalla cascata, seguirlo e in breve raggiungere la base. 15 minuti

L1: due salti a 70°

L2: facili rigonfiamenti a 70°

L3: facile canale 60° 70°

L4: rigonfiamenti 70° 75° poi muro 85° 90°

Lungo trasferimento di circa 80 metri

L5: muro di 40 m. con pendenze di 80°° 85° poi più facile 65° 75°

Trasferimento di circa 60 metri

Discesa: dal termine reperire una cengia che attraversa verso sinistra e dopo circa 60 metri incontra il sentiero Buisson-Chamoix

Interesse:  4

8

La perla di Labuan

?

Difficoltà:  III/5

Lunghezza: 45 metri

Quota: 1650 metri

Avvicinamento: Poco prima di entrare nel paese di Buisson sostare in un parcheggio. Dall’altra parte della strada quindi sulla destra diparte un sentiero che sale all’alpeggio Levaz. Poco prima delle case uscire a sinistra nel bosco e scendere per reperire la base della colata.

L1: bel muro 90° poi 70° 80° fino al termine

Discesa: salire il pendio sino al sentiero che seguito verso destra riporta alle case di levaz e quindi alla strada.

Interesse:  3

Valtournenche

9

Gandalf

?

Difficoltà:  II/3

Lunghezza: 110 metri

Quota: 2000 metri

Avvicinamento: seguire la regionale per Valtournenche e raggiungere il bivio a destra per la frazione Chessod. Sostare proprio all’inizio e reperire sulla sinistra della strada un sentiero di non facile individuazione. Seguirlo sino ad un grande masso, da questo facilmente alla colata. 45 minuti

L1: facile canale con rigonfiamenti 70° 75°

L2 : muro 85° 90° con uscita su roccette poi facile 50° 60°

L3: facile canale 50 ° 60° poi rigonfiamenti a 70°

Discesa: risalire sino a reperire il sentiero che riporta al grande masso e alla strada

Interesse: 2

10

Heimdaill il Dio bianco

A. Cambiolo e P. Sartore 06-02-87

Difficoltà: III/5+

Lunghezza: 110 metri

Quota: 1600 metri

Avvicinamento: dalla frazioine di Chessod puntare alla cascata stalattitica evidente, reperendo in una boschetto intricato la traccia più comoda. 1 ora

L1: stalattite 90° poi 85° brevemente

L2: candel 90° breve 85° poi candela 90°

L3: colonna 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 5

11

Il pellegrinaggio degli eremiti

?

Difficoltà: II/5

Lunghezza: 320 metri

Quota: 1450 metri

Avvicinamento: come per heimdaill sino a reperire sulla sinistra un canale che conduce alla cascata Risalirlo superando alcune facili rocce. 1 ora e 15 minuti

L1-L2: goulotte 70° 80° con brevi rialzi a 90°

L3: muro 70° 80°

L4-L5-L6: facile canale rampa 60° 70° con brevi tratti a 80° sino all’anfiteatro

L7: muro 70° 80°

Discesa: dalla cima dell’anfiteatro conviene scendere in corda doppia utilizzando i numerosi alberi

Interesse: 3

12

La gola dei briganti

M.Farina e M.Giglio 12-02-10

Difficoltà: II/5

Lunghezza: 80 metri

Quota: 1400 metri

Avvicinamento: come per Brinata turchese in quanto questa cascata si trova immediatamente a sinistra. 3 ore

L1: facile 65° 75° sino al salto

L2: stretto passaggio problematico 80° sino alla grotta

L3: colonna difficile 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 2

13

Brinata turchese

G.C.Grassi e G.Montrucchio 03-04-86

Difficoltà: III/4+

Lunghezza: 150 metri

Quota: 1350 metri

Avvicinamento: poco dopo la frazione di Chessod, continuando sulla regionale si intravede sulla sinistra della strada il profondo canalone dove sule sue pareti della destra orografica, piomba la bella cascata in questione. Risalire il pendio morenico e raggiungere il canale di accesso e portarsi alla base. 1 ora e 15 minuti

L1: facile canale incassato 60° 70°

L2: muro di ghiaccio fine 75° 85°

L3: rigonfiamenti e muri 75° 80°

L4: muro 80° poi candela finale 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 5

14

Cascata di Facebella

?

Difficoltà: II/2+

Lunghezza: 130 metri

Quota: 1750 metri

Avvicinamento: salire ancora la regionale e oltrepassare la frazione Ussin. Appena prima di arrivare al lago della diga di Maen, bisogna presare attenzione a sinistra, poco dopo la località Bioley, di reperire un sentiero che sale all’alpe Ersa. Oltrepassare le prime case di Facebella e poco dopo reperire un presa d’acqua con costruzione in cemento. Da qui risalire il costone a sinistra e raggiungere la cascata. 1 ora e 15 minuti

L1: facili rigonfiamenti a 60° 70°

L2: rampa incassata ad imbuto 70° 80° poi nuovamente facile

L3: muro 70° 80° poi canale 60°

Discesa: in corda doppia lungo la cascata

Interesse: 2

15

Colonna di Ersa

?

Difficoltà: I/5

Lunghezza: 40 metri

Quota: 1900 metri

Avvicinamento: come per la cascata precedente sino alle case di Facebella, da qui continuare sul sentiero sino a dove il bosco inizia a diradare, da qui è visibile sulla sinistra la colonna.

1 ora e 30 minuti

L1: breve cono di sostegno 80° poi candela a 90° stalattitica

Discesa: in corda doppia

Interesse: 3

16

La sorgente del falco

A.Cambiolo, R.Lale e T.Sergi  14-02-93

Difficoltà: III/4

Lunghezza: 220 metri

Quota: 1700 metri

Avvicinamento: Passare le case della frazione di Maen e proseguire sulla regionale compiere ancora due tornanti e al secondo proseguire sino ad individuare una strada sulla destra. Seguirla e al termine parcheggiare. Salire a destra ra le case e incontrare il sentiero che seguito a destra porta alla base della cascata. 45 minuti

L1-L2: muri e rampe 70° 80°

L3: cono 80° breve poi candela 90° poi più facile 70° 75°

L4-L5: sequenze di facili rigonfiamenti e muri 70° 80°

L6: muro 70° 80° poi brevemente 90° candela finale

Discesa: si effettua sulla sinistra orografica della cascata allontanandosi progressivamente dalla gola, senza intoppi particolari si raggiunge il sentiero di andata che seguito a ritroso rientra alla macchina.

Interesse: 4

17

Cascata di Maen

?

Difficoltà: V/4

Lunghezza: 250 metri

Quota: 1500 metri

Avvicinamento: alla frazione Maen si attraversa con la strada il torrente che scende dalla colata. Attenzione questa colata è molto pericolosa per improvvisi e enormi scarichi da parte della presa in alto del torrente.

15minuti

L1: rigonfiamenti 60° 70°

L2: muro a 70° 80’°

L3: tratto facile  sino alla base del muro successivo

L4: balzo a cavolfiori 80° 85° poi diedro 90°

L5: piedistallo 70° 80° poi candela 90 poi facile60° 70°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 1

18

Super Maen

?

Difficoltà: II/4+

Lunghezza: 30 metri

Quota: 1750 metri

Avvicinamento: sulla strada regionale per Valtournenche appena prima di entrare nel ppaese, reperire sulla sinistra il bivio per Valmartin Parcheggiata l’auto alla frazione seguire il tracciato dell’alta via numero 1 sino alle case di Falegnon. Poco prima dell’alpeggio, seguire una traccia in piano sulla sinistra sino in cima ai prati da dove la cascata è ben visibile.. 1 ora e 30 minuti

L1: colonnato di ghiaccio stalattitico 90°

Discesa: in corda doppia sulla cascata

Interesse: 1

19

Teorie stalattitiche

W.Giorda, G.C.Grassi e N.Margaira02-03-86

Difficoltà: III/4+

Lunghezza: 100 metri

Quota: 1900 metri

Avvicinamento: salendo sulla regionale per Cervinia, si perviene alla frazione Singlin e in alto sulla destra sono ben visibile le colate. Parcheggiare l’auto e risalire i pendii in direzione della colata. 40 minuti

L1: canalino facile 65° 75° sino alla colonna

L2: rampa 80° 90° sino alla colonna

L3: colonna 90° poi facile

Discesa: sulla destra orografica sino a reperire un canalino, che con l’aiuto di una calata, riconduce alla base della cascata

Interesse: 5

20

Ipotesi stalattitiche

?

Difficoltà: III/3+

Lunghezza: 85 metri

Quota: 1850 metri

Avvicinamento: come per la precedente in quanto questa colata è posta a sinistra. 40 minuti

L1: ?

L2: ?

Discesa: In corda doppia sulla cascata

Interesse: 1

il nuovo "Diamanti di cristallo"

Condivisi su Facebbok